25 febbraio 2009

cinghiale

Lotta di cinghiali: chi lo vuole che di cinghiale sappia, chi lo vorrebbe decinghializzare. Che comunque immagino che il cinghiale non voglia assomigliare al maiale, schiavo cugino, e se proprio proprio fosse chiamato ad una scelta, preferirebbe essere ricordato come carne selvaggia e non troppo addomesticata (ma mi sa che i cinghiali se ne fregano e vorrebbero soltanto continuare a cercare tuberi nei boschi qui vicino).


Comunque, non siamo qui per fare filosofia.

Prendi un bel pezzo di cinghiale e taglialo a pezzettoni, con un coltello di ceramica (mica per altro, è che è più carina la lama bianca sul rosso scuro).Lascialo a bagno per qualche ora in vino rosso non troppo pregiato non troppo scadente: barbera spesso, va benissimo. Spargici chiodi di garofano grani di pepe pochissima noce moscata pochissimissima cannella due foglie grasse di alloro.

Poi: se sei uno sfigato come me, prendi una pentola di terracotta (se no, userai la meravigliosa e pesantissima casseruola di ghisa e acciaio di Le Creuset, che prima o poi mi compro, ecco). Un pezzo di burro, sedano carota e cipolla.

Soffriggi, a fuoco bassissimo, ça va sans dire. Nel frattempo pulisci qualcosa, metti in ordine, che non vogliamo lasciare la cucina un cesso, no?

Quando il soffritto è pronto, alzi il fuoco,  ci butti la carne e la fai rosolare affinchè si produca la ben nota rezione di Maillard, (per far capire che non sono troppo grezzo, un po’ di argenteria intellettuale in mostra).

A questo punto, ci metti il vino della marinata e fai cuocere lentissimamente ore e ore e ore, aggiungendo vino rosso o bianco se dovesse asciugare troppo.

Fai poi la polenta, con la migliore farina che trovi (tanto più di due euro è impossibile spendere).

Bevici sopra il miglior rosso di cui disponi.

6 commenti:

  1. ... il tutto con i migliori amici che hai, mi verrebbe da dire.

    s.

    RispondiElimina
  2. utente anonimo4 marzo 2009 15:24

    che indivia ops! volevo dire invidia. ginger

    RispondiElimina
  3. apprezzo molto l'estetica della lama bianca.

    RispondiElimina
  4. Alla marinata aggiungerei qualche bacca di ginepro (di chinghiale ne ho cucinato (e ne cucino) tanto ed in tanti modi diversi, ma il ginepro sempre)

    RispondiElimina
  5. ginger, eh, che dire.


    oltranzista, finalmente! che passo sempre per un malato.,


    thumper, non ce lo avevo. ma hai ragione.

    RispondiElimina